Niente

Tag

,

Molto grata a Luisa Zambrotta per l’invito a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE – Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

9° giorno

Niente

Son cresciuta

immersa nel NIENTE

di un mondo

che guardava la luna

arava la terra

ascoltava i silenzi

e

i rumori del mare.

Ho aperto la porta del NIENTE

e

ho trovato

la CURA

per le piccole cose

per gli abbracci infiniti

le parole e gli sguardi.

Poi,

chissà come fu,

la porta del NIENTE

si chiuse.

Non ci furono abbracci,

progetti,

canzoni di un tempo lontano.

Si rimase bloccati

nell’attesa che il

NIENTE

tornasse a stupirci.

Contare

Tag

, ,

Molto grata a Luisa Zambrotta per l’invito a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE-Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

8° giorno

Contare

Dove piove copiosa

la fantasia?

Su un campo quadrato

o

in un cielo stellato?

Contare, misurare.

Ma quanta vita c’è

tra due numeri

che si dicono interi?

Sollevarsi leggeri

e

dall’alto

guardare

osservare

capire

e iniziare a sognare.

Rivolgere lo sguardo

alle stelle

per sapere dove andare

e trovare

la strada

per continuare a contare.

Iris

Tag


Ringrazio Luisa Zambrotta per avermi invitata a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE – Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

7° giorno

Iris

Camminava,

correva.

Arrivava fin dove

erbe selvatiche

crescevano libere,

dove da un’ alta falesia

osservava le onde del mare

guizzare felici

e nuvole bianche

vagare leggere.

Un velo di pioggia

un arcobaleno

il vento nei piedi

per correre dietro

 tutti i colori

che emergevano fulgidi

 da un cerchio salato.

Gridò: VOGGHIU!

E subito accorsero

i raggi del sole

che cucirono presto

un vestito di seta

odoroso di terra

di mare e di cielo,

perché per un giorno

fosse regina

fosse una dea

e non più solo

una messaggera.

VOGGHIU NA VESTI

FATTA DI SITA

TUTTA GUARNITA

DI BASILICO’.

Sogno

Tag

Molto grata a Luisa Zambrotta per l’invito a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE-Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

6° giorno

Sogno

Dormivo,

o forse no.

Camminavo

tra i sentieri di un sogno

dove il sole

illuminava

anche la notte,

e il mare

intonava

le sue canzoni più belle.

Dormivo,

certo, sì,

dormivo.

Pescavo parole

che aedi di un tempo lontano

mettevano insieme

raccontando

le storie

che poi tornavano al mare.

Dormivo,

o forse no.

Dentro sentivo un gran vuoto

 e continuai a pescare parole.

Ombre

Tag

Sono stata invitata su Facebook da Luisa Zambrotta a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE- Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.
5° giorno
Ombre
 Non dire al vento -fermati!-
Non mettere a tacere il mare.
Siamo ombre
Intrise di vento e di aria
Di mare e di suoni
Di rabbia e di gioia.
Non coprire il tuo raggio di sole
Non soffocare il canto degli uccelli.
Siamo ombre
Figure eteree 
Prestate a questo mondo
Che gira intorno a noi
Che vive per noi.
Ma anche senza di noi.
Godiamo di ogni fulgido raggio di sole
Amiamo ogni cosa
Come dono grandioso e
Alla fine della nostra giornata
Saremo ombre
Saremo respiro
Soffio di vento 
Sentito per sempre
da chi ci vorrà  incontrare.

Un’antica filastrocca

Tag

Ringrazio Luisa Zambrotta per avermi invitata a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE- Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

4° giorno

Un’antica filastrocca

C’è qualcosa nella mente

che mi frulla stamattina.

E’ un’antica filastrocca

strampalata,

certo sì,

ma gioiosa e contagiosa

e che fa proprio così:

Pizzica pizzica maestrina

la paletta e la regina

la regina e la spagnola

tirituppete e nesci fora (esce fuori)

fora quaranta

tuttu lu munnu canta

canta lu iaddu (gallo)

affacciatu alla finestra

cu tri palummi ‘n testa (con tre colombe in testa).

Iaddu, iaddina(gallo, gallina)

Palermu e Missina.

Era strana,

ma tanto bella.

La ricetta di questa magia?

Gioia, amore e compagnia,

occhi pieni di stupore

e le risa di bambini.

Insonnia

Tag

,

Molto grata a Luisa Zambrotta che mi ha invitata su Facebook a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE-Esposizione internazionale virtuale. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

3° giorno

INSONNIA

Una bella gallinella

uscì presto quella mattina.

Era stanca e avvilita

di restare chiusa in gabbia

mentre tutte le sorelle

intonavano le note

di un torpore assai profondo.

Che nottata era trascorsa!

A lei il sonno

non la prendeva,

e restò tutta la notte

aggrappata ad un pensiero.

Solo la luna, bella e bianca,

ascoltava i suoi silenzi.

Che stranezze per una dolce gallinella!

Che trovasse un bel galletto

e covasse le sue uova

piuttosto che pensare

al mare

al vento

e

ai concerti.

Volle andare quella mattina,

e sul bordo di una falesia,

vide il sole salutare

l’impossibile suo amore

che pian piano

scivolava aldilà dell’orizzonte;

ascoltò le melodie delle onde spumeggianti,

che ora piano e poi più forte,

si allungavano sul lido

mentre il vento di lì passava

e con garbo la livrea le accarezzava.

Le fu appresso una stellina

che nella notte s’era persa,

ed insieme viaggiarono

per il cielo decorato

da quel sole che nasceva.

Amore

Tag

, ,

Ringrazio di cuore Luisa Zambrotta per avermi coinvolta nella maratona di poesia promossa dal DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE. Pubblicherò dieci poesie, una al giorno, per dieci giorni.

2° giorno

Amore

La Passione arrivò improvvisa

come un’onda

che si infrange sugli scogli.

Si trasformò in Amore e,

come acqua salmastra,

si rifugiò

negli anfratti del cuore,

per dimorarvi per sempre.

Pose le sue radici

e irrorò di sangue

la terra del suo destino.

Nacque Rispetto.

Fiorì Pazienza.

Germogliò Armonia.

Una donna

Tag

,

Molto grata a Luisa Zambrotta che mi ha invitata su Facebook a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE- Esposizione internazionale, virtuale. Pubblicherò ogni giorno una poesia, per dieci giorni.

UNA DONNA

Mia madre aveva una pelle bellissima,

liscia e profumata come sapone che sa di pulito.

Nessuna ruga segnava quel viso,

e la voglia di vivere

era scritta con lettere chiare

in ogni angolo del suo sorriso.

Era liscio e splendente quel viso,

come lama di spada che sfida ogni male

perché voleva vincere e continuare a lottare.

Consegnò fiera la sua vita al sonno eterno

e nessuna ruga contò il suo tempo.

Donna, che lotti

 per avere uno spazio, una voce, un pensiero,

che al mattino ti svegli

per capire cosa dire, cosa fare;

che la sera ti abbandoni a pensieri

che sai voleranno lontano

da questo mondo strano,

guarda in faccia la vita,

tieni a bada il tuo cuore,

impara da chi fiera lottò

e la morte non trovò sconfitta.