Tag

, ,

Cos’è una poesia metasemantica? E’ una poesia dove le parole, vere e inventate, corrono come onde sulla superficie del mare e rumoreggiano, parlano, costruiscono un linguaggio sonoro così che è possibile sentire ” ‘u scrusciu “, il rumore di ciò che si racconta. Nella poesia metasemantica la fantasia vola. Come non pensare al ” Lonfo” di Fosco Maraini:

IL LONFO

Il lonfo non vaterca né gluisce

e molto raramente barigatta,

ma quando soffia il bego a bisce bisce

sdilenca un poco, e gnagio s’archipatta.

È frusco il lonfo! È pieno di lupigna

arrafferìa malversa e sofolenta!

Se cionfi ti sbiduglia e t’arrupigna

se lugri ti botalla e ti criventa.

Eppure il vecchio lonfo ammargelluto

che bete e zugghia e fonca nei trombazzi

fa lègica busìa, fa gisbuto;

e quasi quasi, in segno di sberdazzi

gli affarfaresti un gniffo. Ma lui zuto

t’alloppa, ti sbernecchia; e tu l’accazzi.

Nella tradizione popolare siciliana ci sono diversi esempi di poesie, filastrocche che potrebbero rientrare nella categoria di poesie metasemantiche. Parole come tirittuppete, pitipinchiuni, firriolu hanno un forte valore onomatopeico; improbabili nomi propri come Mao, Befè, Viscottu, Minè aprono finestre fantastiche di personaggi inesistenti eppure così realistici.

C’era na vota un Mao

tirittuppete e cariu

vinni ‘u mericu e muriu.

Ahi! Moru! Cu cappeddu e u firriolu.

Una caduta ( tirittuppete ), un medico e il fantomatico Mao che si lamenta di morire con il cappello e il firriolo, un bastone che per vanità faceva firriari, girare.

C’era na vota un re Befè Viscottu e Minè

c’aveva na figghia Bifigghia Viscottu e Minigghia.

Sta figghia Bifigghia Viscottu e Minigghia

aveva n’aceddu Befeddu Viscottu e Mineddu.

Aceddu Befeddu Viscottu e Mineddu

un ghiornu vulò.

Allura u re Befè Viscottu e Minè

lanciò un bannu:

CU TROVA L’ ACEDDU BEFEDDU VISCOTTU E MINEDDU

CI RUGNU A ME FIGGHIA BIFIGGHIA VISCOTTU E MINIGGHIA.

Si prisintò un picciotto vavusu fitusu viscottu e minusu.

Allura lu re Befè Viscottu e Minè ci dissi:

e io pi n’aceddu befeddu viscottu e mineddu

ti rugnu a me figghia Befigghia Viscottu e Minigghia?

Vattinni! Vavusu fitusu murbusu viscottu e minusu!

Un re non potrebbe mai sopportare di dare in moglie la propria figlia a un vagabondo.