Tag

, ,

-Svegliati! E’ già mattina!-

Il mio ragazzo con le gambe lunghe mi accarezza dolcemente. Lo guardo, gli sorrido. Ne abbiamo fatta di strada insieme.

La notte è trascorsa mentre la mia mente si è persa in un mare di ricordi e di sogni. E se chiedessi al tempo di fermarsi? Se chiedessi alla notte di concedermi qualche ora in più per vagare in sentieri che solo il sogno può farmi attraversare?

La notte si allungò per permettere a Giove di giacere più a lungo con Alcmena, la bella moglie di Anfitrione. Il sole e la luna si fermarono per dare a Giosuè il tempo di sconfiggere gli Amorrei.

Chiudo ancora un poco gli occhi e mi vedo davanti a uno specchio a contare le mie rughe che lasciano trasparire la serenità di una vita trascorsa senza tante pretese e con tanti sogni ancora da realizzare. Chiudo ancora gli occhi e mi osservo mentre vago, con lo sguardo incantato, sulla superficie del mare che si distende di fronte a me. Quest’ acqua, penso, sa essere cheta e ribelle. Mi somiglia, sa tutto di me.

-Adesso svegliati, il sole è già alto.-